AVVISI

Si comunica che le iscrizioni alla sezione nido e sezione materna per l'anno scolastico 2018 - 2019 sono aperte dal 1° settembre 2017

SCUOLA MATERNA "GISA CROTTI"

Scuola Materna
Scuola Materna

Suore Minime della Addolorata

Personale docente

Personale ausiliario

Volontari

 

La Scuola Materna è sorta allo scopo di dare un valido sostegno alle famiglie per l'educazione dei bimbi, su solide basi umane, morali, cattoliche e culturali, con particolare attenzione a quelle in difficoltà. 

Comunità delle Minime della Addolorata

SUOR FLORA, SUOR THERESA, SUOR RICCARDA, SUOR EUFEMIA E SUOR PAVANA

Comitato gestione

Il Comitato di Gestione è così formato:

Parroco e Legale Rappresentante: Don Remo Resca, 

 Direttrice :  Suor Pavana Chakkiath

Coordinatrice  Didattica:  Beatrice Ballestri  

Segretaria e volontaria: Edoarda Rubbi : 

Comitato Amministrativo:  Tomaso Ferrari, Amedeo Maccaferri, Edoarda Rubbi, Luigi Vignoli, Felice Cennamo, Mauro Tabellini: 

Personale docente e non docente

Volontari: Anna Bortolotti, Sergio Calanchi, Pietro

Docenti: Ballestri Beatrice, Marturano Flavia, Gentile Rita, Ferrari Chiara, Tartaglia Antonella ,

Personale non docente: Pinto Rita (cuoca), Baggio Donatella, Sotgiu Lorena (inservienti)

Suore: Suor Pavana, suor Flora, suor Riccarda, suor Theresa e suor Eufemia

 

Card. Carlo Caffarra in visita all'asilo parrocchiale
Card. Carlo Caffarra in visita all'asilo parrocchiale

STORIA DELLA SCUOLA

Le suore appartenenti alla famiglia religiosa delle Minime dell'Addolorata, fondata da Santa Clelia Barbieri, originaria dalle Budrie (Bo), furono le prime "maestre" della Scuola Materna di Piumazzo, chiamata per anni Asilo Parrocchiale di Piumazzo.

Fu l'arciprete di allora a richidere le Minime per la sua parrocchia.

Furono accolte con un vero trionfo, al suono festoso di campane e gratificate con un omaggio spontaneo, alla sera, di un concerto del corpo bandistico del paese.

Negli anni venti s'impose la ricerca di un ambiente in cui collocare l'Asilo, di cui si sentiva sempre più urgenza, e l'Arciprete Don Ulisse Turilli, pose attenzione allo stabile della Casa del Popolo che, costruito negli anni vicini alla Prima Guerra Mondiale, soggiaceva ai debiti, dopo che il regime fascista aveva imposto di chiuderla.

Appunto dal Demanio l'acqustò Don Turilli, per una somma di circa L. 65000, che divennero circa 1000.000 dopo i ncessari lavori di restauro.

L'Asilo iniziò l'attività il 27 ottobre 1927.Nel 1944 lo stabile fu occupato dai tedeschi e le suore dovettero ritirarsi in una piccola camera attigua alla canonica e fare scuola in sagrestia.

Alla fine del conflitto, il Partito Socialista, che aspirava al recupero della Casa del Popolo, per motivi simbolici ed affettivi, pretese di ritornare nella sua sede originale.

Il compromesso fu la destinazione provvvisoria dell'Asilo nella Villa Lanzarini, antica e spaziosa villa padronale, costruita nel 1850.

Non si prese più in considerazione il ritorno nella prima sede, perchè la costruzione denunciava i segni del tempo e fu successivamente abbatuta.

Intanto Villa Lanzarini cambiava proprietario nella persona del sig.Enzo Crotti, che certamente pensava di destinarla ad altro uso.

Furono momenti in cui Piumazzo rischiò effetivamente di perdere l'Asilo, ma Don Marino Dal Fiume, successore di Don Turilli, riuscì a convincere il nuovo proprietario a donare la villa a beneficio ed uso definitivo dei ragazzi.

La nuova Scuola Materna fu inaugurata dal Card. Giacomo Lercaro il 2 ottobre 1956 e porta il nome della moglie del benefattore "Gisa Crotti".

La sua storia continua con necessari adeguamenti alle nuove realtà scolastiche, nel meraviglioso stabile e parco, che costituiscono una entità difficile da eguagliare.

 

 

Alcuni momenti della Benedizione Pasquale in Asilo

Augurio e preghiera di benedizione per il nuovo anno