BOLLETTINO PARROCCHIALE NR.352 BENEDIZIONI PASQUALI 2019

Mercoledì 23 Gennaio 2019 ore 20,45 a Casa delle Grazie LECTIO DIVINA su altro testo di Atti Apostoli  guidata da Stefano Tampieri, Lettore

Inizio lavori per la riapertura del nostro Santuario

Mentre è in preparazione questo bollettino di Natale stanno iniziando le operazioni di allestimento del cantiere per gli interventi di riparazione post sisma 2012 del Santuario della Beata Vergine della Provvidenza. Come sapete a seguito del terremoto le volte in muratura a soffitto della chiesa hanno riportato gravi lesioni con la conseguente dichiarazione di inagibilità dell’edificio che custodisce la cara Immagine di Maria. Durante tutti questi anni sono state sospese tutte le celebrazioni liturgiche all’interno e l’accesso è avvenuto soltanto da parte di poche persone per prelevare e ricollocare l’Immagine in occasione dell’Ottavario e della visita alla parrocchia di Calcara. Sentiamo da tempo il bisogno di poter ritornare a pregare Maria nel luogo in cui è iniziato il suo culto nel lontano 1817 ed ora è giunto il tempo per iniziare i lavori di consolidamento; parte di queste opere sarà finanziata dalla Regione Emilia Romagna, trattandosi di un edificio compreso nel programma della ricostruzione dei Beni Culturali danneggiati dal sisma, e parte dai fondi della polizza assicurativa. L’inverno non ostacolerà le operazioni di cantiere in quanto si tratterà prevalentemente di lavori nel sottotetto che vedranno l’applicazione di rinforzi con reti in fibra di vetro sulla superficie delle volte e la loro riparazione oltre alla realizzazione di un cordolo in acciaio e di catene anti-ribaltamento del timpano di facciata per migliorare la sicurezza complessiva della chiesa. Prevediamo di concludere le lavorazioni entro i primi mesi del 2019 così da poter festeggiare solennemente la riapertura del Santuario in occasione del 145°Ottavario in onore di Maria, madre della Divina Provvidenza.

Stefano

Progetto parrocchiale Anno 2018 - 2019  (Work in progress)

Premessa

Il buon Pastore, unico e perfetto, sempre presente e operante, è il Signore Cristo Gesù.

La vita pastorale è corrispondere a Gesù, perciò le virtù più importanti sono la fede e la obbedienza. Con la preghiera cerchiamo il cuore, il pensiero, l'azione di Gesù

Con la obbedienza traduciamo in atto le sue indicazioni e corrispondiamo alle sue azioni.

Gesù è presente in tutta la chiesa, specialmente nei suoi Pastori 

In questo periodo, il Papa e il Vescovo, insistono sulla "Rivisitazione missionaria della nostra Chiesa"  Dunque questo sarà orizzonte del nostro programma. Dopo il titolo e le sue declinazioni, ad ogni proposta operativa mettiamo la parola "Mission". il nostro impegno sarà dunque non fare cose nuove, ma fare in modo nuovo, cioè più missionario, tutte le cose. Superando l'autocentrazione e l'autosufficienza, tendere ad essere cristiani più aperti e propositivi, più liberi e comunionali. Ricordando che non sono i risultati che contano - quelli è Dio a deciderli - ma la nostra fedeltà, passione ed eroica dedizione, al compito oggi ricevuto. 

 

 

1. TITOLO:

 

LO SPIRITO SANTO SEMPRE FA NASCERE E RINASCERE LA CHIESA

Tutti più Missionari

 

La pagina biblica della PENTECOSTE, fa da guida dell'anno, in rapporto ad una rinnovata attenzione al mistero della CHIESA.  Il fondamento è la Nota Pastorale del vescovo Zuppi: "Ciascuno li udiva parlare la propria lingua" col suo sottotitolo "Tutti più missionari".

Domanda: Come è la nostra parrocchia? Come lo Spirito vuole sia la nostra comunità? Cosa imparare dal confronto con la Chiesa degli Atti degli Apostoli? Cosa significa mettere al primo posto il "KERIGMA"? Temi che riprendono il grande carisma del Concilio Vaticano II. 

 

2. QUATTRO PUNTI DI DECLINAZIONE:

Dalla Pentecoste, nascono 4 declinazioni, o punti operativi, intorno alla azione dello Spirito:                          

                              1. Spirito di Santità

                              2. Spirito di Unità

                              3. Spirito di Verità 

                              4. Spirito di Carità

 

Il primo punto, sviluppa il rapporto dello Spirito con la Vita interiore. Sullo sfondo c'è l'impegno per la preghiera, individuale e comunitaria, ascolto della Parola, direzione spirituale. Riferimenti: la Gaudete ed Exultate di Papa Francesco e i sacramenti della Eucaristia e Penitenza. E' la direzione operativa meno programmabile, perché si muove nella realtà della libertà di Dio e dell'uomo. Si vede comunque, quando una parrocchia prega e cura innanzitutto la vita spirituale, mettendo Dio al primo posto. Importanza a Piumazzo della Comunità Religiosa delle Minime.

 

Il secondo punto, ha un obiettivo molto concreto: la strutturazione di un progetto di Comunione fra parrocchie della zona di Castelfranco Emilia. E' la grande svolta pastorale recente dell'Arcivescovo Zuppi, focalizzata attorno alla Assemblea di Zona, da preparare e irradiare. Parrocchie collegate reciprocamente, per una vision e una mission comune, nella conoscenza, affetto e servizio. 

 

Il terzo punto, sottolinea l'Insegnamento, nella missione di Gesù, dei discepoli e della chiesa. E' l'impegno classico, per il catechismo dei fanciulli, della predicazione liturgica, allargata a forme nuove, destinatari più ampi, magari difficili, come le famiglie e i giovani. 

 

Il quarto punto, riprende l'universo della Misericordia, per divenire Chiesa sempre più espressione dell'amore di Gesù verso i piccoli, i sofferenti, malati, persone smarrite, provate in ogni modo. Chiediamo allo Spirito di farci vedere i poveri e di camminare con e per loro. In questo Spirito di Carità, stanno tutte le nostre iniziative oratoriane, per il paese, i giovani, famiglie e stranieri. E anche l'ambito della nostra Scuola dell'Infanzia.

 

 

3. SETTE AMBITI DI IMPEGNO: LE MISSIONI

 

A. MISSION ORATORIO

Pensare ai giovani può essere una sterile ossessione, ma anche una amorevole corrispondenza a quanto la chiesa sta vivendo, col Sinodo, e a come è fatta la nostra parrocchia. Lo scorso anno si è lavorato con Valeria, Oltre, Gerry e Marco, per una miglior organizzazione degli spazi ricreativi, aggregativi, espressivi. Continuiamo, incrementando accoglienza e provando a costruire proposte, attraverso la costituzione di un Comitato di Programmazione, per passare da una fruizione occasionale, ad una realtà più strutturata, in tutto quello che per i ragazzi significa vita, amicizia e crescita: gioco, teatro, musica, cultura, fede ... con disciplina e lavoro. 

Incaricati, destinatari, tempi e luoghi 

 

B. MISSION PAROLA DI DIO E CONFESSIONALE

L'attenzione alla Parola e alla preghiera è un ambito imprescindibile. Riprendere le giornate dedicate al Sacramento della Riconciliazione, la lectio divina, quest'anno sullo Spirito e sugli Atti degli Apostoli, aggiungendo un momento di preghiera che ancora non c'è, tipo gruppi del Rinnovamento, per dare alle persone più occasioni di incontrarsi nella preghiera. Anche ai giovani, con serate dedicate, coi loro canti e stili adatti a loro. 

Incaricati, destinatari, tempi e luoghi 

 

C. MISSION ASSEMBLEA DI ZONA

Sotto la guida di un Coordinatore, indicato dall'Arcivescovo, (don Remigio Ricci),  i parroci di zona nominano un Presidente e un Segretario, laici, della Assemblea di Zona, per un cammino di vita comune, fra parrocchie, nei vari ambiti della pastorale. 

Incaricati, destinatari, tempi e luoghi 

 

D. MISSION MESSA DOMENICALE E CATECHISMO

Dal 6 ottobre 2018 riprende il catechismo - del quale la programmazione è in atto - con il doppio orario della messa 10,00 e 11,00. Introduzione graduale dei piccoli e rilevanza speciale data ai gruppi di Comunione e Cresima. Circa gli adulti, accanto a Catechesi prebattesimale, a Piumazzo si terrà anche questo anno una catechesi in preparazione alla Cresima e al matrimonio. Il Gruppo liturgico prepara un progetto Messa legata allo Spirito, nella Liturgia.   

Incaricati, destinatari, tempi e luoghi 

 

E. MISSION MALATI E GIORNATA DEI POVERI

Sostenendo le inziative della Caritas parrocchiale, mettere in atto forme nuove e antiche di attenzione e conoscenza, circa la sofferenza. "Chi vede pochi poveri, ha poco amore". Mettere in rapporto le opere di misericordia con l'universo dei giovani, preparare per tempo "la giornata e il pranzo dei poveri" 

Incaricati, destinatari, tempi e luoghi 

 

F.  MISSION STRANIERI

Il rapporto con gli stranieri qui residenti, è una delle forme di missione "ad gentes" del nostro tempo.  Puntando sulla verità dei rapporti quotidiani, interpersonali, ci orientiamo alla Pentecoste 2019, per la festa "Ogni uomo è mio fratello" sul tema delle "lingue", come ci indica l'arcivescovo. Un ambito speciale è il rapporto con le badanti, molte della quali partecipano alla messa domenicale e ai loro assistiti. 

Incaricati, destinatari, tempi e luoghi 

 

G. MISSION SCUOLA MATERNA GISA CROTTI

La Scuola Materna è punto di riferimento essenziale per la nostra comunità. Pianta secolare, fortissima, ma anche bisognosa di cure, potature, protezioni. Alla luce della Pentecoste, incrementiamo la multiforme Partecipazione di ogni componente (Suore, insegnanti, genitori, volontari). Nelle Scuole Materne parrocchiali sono in atto grandi trasformazioni, gestionali, culturali e giuridiche: docili e fiduciosi alla scuola dello Spirito, traghettiamo felicemente, sotto la Sua forza e ispirazione, questi cambiamenti, "non come ostacoli, ma come occasioni"

Incaricati, destinatari, tempi e luoghi  

 

4   I CINQUE PUNTI DEL KERIGMA 

 

Accanto alla Pentecoste, il progetto di Zuppi mette in primo piano il metodo della evangelizzazione tramite Kerigma. E' una parola tecnica, desunta dagli scritti di S Luca, che Significa letteralmente  "primo annuncio" "annuncio sintetico". E' esemplificato nei cinque grandi discorsi di Pietro e Paolo, contenuti negli Atti degli Apostoli. E' uno schema che si ripete, che consiste non in una semplice predicazione con un contenuto formale,  tipo "Gesù è morto e risorto"  che, buttato là, lascia il tempo che trova. Il Kerigma è invece un raffinato e delicatissimo modo di mettere in luce l'opera di Dio, che già è in atto nelle anime e nel mondo, l'apostolo deve solo svelarla e coltivare. Il punto importante, spesso trascurato, è il primo: cogliere la presenza di Dio nella vita profonda delle persone, e per "profonda", si intende la vita vera, il vero desiderio, il vero dolore, la vera esperienza, la consapevolezza di cosa ti sta succedendo in questo momento.  Da questa scoperta di "ciò che accade, e ciò che io voglio" inizia il vangelo. Dopo questo importantissimo incipit, il Kerigma si sviluppa in queste parti:

 

1. L'esperienza forte, sincera, che stiamo vivendo

2. Il contesto di Dio, Creatore e Provvidenza: Storia della Salvezza

3. Lo sguardo al mistero del "respinto glorificato": Gesù morto e risorto 

4. L'esperienza dello Spirito, come energia e nuova visione nuova

5. La confessione e il perdono, meta e vetta del cammino. Liberazione dal "peso"

 

Come inserire questo tema, in un Programma Pastorale? 

a. Facendone argomento all'interno della formazione responsabili, catechesi, liturgia carità. 

b. Sottolineando l'aspetto finale, in una pastorale del sacramento del Perdono 

c. mettendone in luce le dimensioni intermedie, nei tempi dell'Anno Liturgico: in Avvento la n 2; in Quaresima la n 3; dopo Pasqua la n 4. 

d. Rendendolo anima di una generale dinamica missionaria, non solo dei responsabili, ma di tutti i fedeli, specialmente nel primo punto del Kerigma.  

 

______________________________________

 

CALENDARIO DELL'ANNO -  appuntamenti da inserire in agenda:

  • Incontro di Consiglio Pastorale. 
  • Inizio e fine del catechismo, delle domeniche "a messa col cuore", giorni delle confessioni dei bimbi di 4* e 5*
  • Riunioni catechisti di inizio anno, nel corso dell'anno, specie in preparazione ai momenti forti: Avvento, Quaresima, Pasqua, Ottavario. Incontri formativi vicariali e di zona. 
  • Riunioni genitori di inizio anno; durante l'anno; coi bimbi di sabato; in preparazione ai sacramenti della Comunione e Cresima, appuntamenti prima dei sacramenti. 
  • Giorno e ora: Prima Confessione, Comunione, Cresima
  • Appuntamenti di Pastorale giovanile: medie, giovanissimi e giovani, parrocchiali e zona
  • Incontro del gruppo liturgia 
  • incontri del gruppo carità. 
  • Riunione in Preparazione alle Feste del Ringraziamento, dell' Ottavario (molto prima dello scorso anno), di S. Giacomo patrono
  • Incontri di preparazione bollettino
  • Incontri di preparazione ai battesimi
  • date "24 ore per il Signore" con sacramneto della Penitenza
  • Incontri collegiali alla Scuola Materna
  • Ritiri del clero e giornate diocesane
  • Periodi assenza del parroco per Cammino
  • Novene di Natale e Immacolata, di adulti e bambini
  • Benedizioni Pasquali
  • Estate Ragazzi
  • Giornate comunitarie all'Asilo: Festa di inizio e fine anno, giornate dei nonni, dei papà delle mamme, di Natale e Pasqua. 
  • Giornate incontri zonali
  • Date di verifica quattro punti del programma: santità, unità, verità, carità.  
  • Incontri del Consiglio per gli Affari Economici

-----------------------

OGNI MERCOLEDI'

 

 

 

 

SANTA MESSA ORE 20.00 E LA RECITA DELLA CORONCINA ALLA DIVINA MISERICORDIA 

OGNI GIOVEDI'

 

 

 

 

 

SANTA MESSA ORE 20.00 E LA RECITA DEL SANTO ROSARIO

IL PENSIERO DELLA SETTIMANA

PREGHIERA DELLA SETTIMANA

Preghiera del 13.gennaio 2019

Preghiera per l'unità dei cristiani

 

Nella settimana che va dal 18 al 25 gennaio tutta la Chiesa rivolge particolari preghiere

al Signore perchè si realizzi pienamente l'unità di tutti i cristiani.

 

Padre santo, tu che chiami tutti gli uomini all'unità

di una sola famiglia, perdona i nostri atti di divisione e accordaci

di realizzare la nostra vocazione.

Signore Gesù, tu che sei morto per ricondurre all'unità  i figli di Dio dispersi,

fa' che sentiamo lo scandalo delle nostre separazioni e aspiriamo

alla comunione fraterna.

Spirito Santo, tu che guidi la Chiesa a tutta la verità e susciti l'amore,

fa' che cerchiamo la verità che non abbiamo ancora saputo vedere

e amiamo con carità sincera i nostri fratelli.

O Dio, Padre, Figlio e Spirito Santo, che hai radunato le nazioni nel tuo popolo

mediante il battesimo, fa' che progrediscano nell'unità,

perchè possano un giorno partecipare insieme allo stesso pane di vita.

LA FOTO DELLA SETTIMANA

La foto del 13.gennaio 2019

CANTARE INSIEME FA BENE!

CORO SAN GIACOMO
CORO SAN GIACOMO
Cantare in coro fa bene perchè stimola la creatività, le relazioni sociali e affettive, sviluppa l'ascolto, l'attenzione, l'espressione e la comunicazione e fa' apprendere un nuovo linguaggio, quello musicale.
Nel coro non ci sono differenze, alti e bassi, grassi o magri, giovani e meno giovani, tutti sono ugualmente importanti e ognuno contribuisce con la propria voce a creare un suono magico e meraviglioso, il suono del CORO.
Il Coro S. Giacomo di Piumazzo, presente in parrocchia da 25 anni anima le celebrazioni liturgiche della comunità e organizza concerti e attività culturali e musicali.
Stiamo cercando nuove voci, femminili e maschili, e una potrebbe essere proprio la tua!
Per informazioni rivolgersi a don Remo o alla direttrice Maria Teresa. Ti aspettiamo! 
Elenco dei prossimi appuntamenti del Coro S. Giacomo: 

Come Maria

(Bruno Ferrero, A volte basta un raggio di sole)

Una notte ho fatto un sogno splendido. Vidi una strada lunga, una strada che si snodava dalla terra e saliva su nell'aria, fino a perdersi tra le nuvole, diretta in cielo. Ma non era una strada comoda, anzi era una strada piena di ostacoli, cosparsa di chiodi arrugginiti, pietre taglienti e appuntite, pezzi di vetro. La gente camminava su quella strada a piedi scalzi. I chiodi si conficcavano nella carne, molti avevano i piedi sanguinanti. Le persone però non desistevano: volevano arrivare in cielo. Ma ogni passo costava sofferenza e il cammino era lento e penoso. Ma poi, nel mio sogno, vidi Gesù che avanzava. Era anche lui a piedi scalzi. Camminava lentamente, ma in modo risoluto. E neppure una volta si ferì i piedi. 
Gesù saliva e saliva. Finalmente giunse al cielo e là si sedette su un grande trono dorato. Guardava in giù, verso quelli che si sforzavano di salire. Con lo sguardo e i gesti li incoraggiava. Subito dopo di lui, avanzava Maria, la sua mamma. 
Maria camminava ancora più veloce di Gesù. 
Sapete perché? Metteva i suoi piedi nelle impronte lasciate da Gesù. Così arrivò presto accanto a suo Figlio, che la fece sedere su una grande poltrona alla sua destra. 
Anche Maria si mise ad incoraggiare quelli che stavano salendo e invitava anche loro a camminare nelle orme lasciate da Gesù, come aveva fatto lei. 
Gli uomini più saggi facevano proprio così e procedevano spediti verso il cielo. Gli altri si lamentavano per le ferite, si fermavano spesso, qualche volta desistevano del tutto e si accasciavano sul bordo della strada sopraffatti dalla tristezza. 

Una mattina un professore di cardiologia condusse gli alunni al laboratorio di anatomia umana dell'Università. 
Stavano osservando alcuni organi, quando notarono un cuore smisuratamente grande. 
Il professore chiese ai ragazzi se sapevano dire a chi fosse appartenuto, intendendo quale malattia avesse causato la morte di quella persona. 
"Io lo so" disse un ragazzo, in tono molto serio. "Era il cuore di una madre".

 

IL VANGELO DEL GIORNO COMMENTATO

Liturgia della Settimana - Il Commento al Vangelo del giorno

[2019-01-13] Anche noi figli di Dio! (dom, 13 gen 2019)
“Venne fra la sua gente, ma i suoi non l'hanno accolto. A quanti però l'hanno accolto, ha dato potere di diventare figli di Dio”. Nel tempo di Natale abbiamo ascoltato ripetutamente queste parole tratte dal Prologo del Vangelo di Giovanni. Siamo diventati in Cristo Figli di Dio per questo possiamo rivolgerci al Signore Dio Onnipotente e, come Gesù ci ha insegnato, chiamarlo Padre; per questo, animati dalla stessa fede, in Lui e per Lui ci chiamiamo, ci riteniamo e siamo realmente fratelli....
>> leggi di più

[2019-01-14] "Il tempo è compiuto". (Mon, 14 Jan 2019)
Inizia oggi il cosiddetto tempo “ordinario” prima della Quaresima. L’aggettivo “ordinario” potrebbe indurci in errore se gli attribuiamo il significato di dimesso, non importante, usuale. La liturgia non consente mai una simile interpretazione, perché il tempo ha sempre una sua sacralità, una primaria importanza, ci consente infatti di immergerci in Dio e realizzare in noi il suo progetto di amore e di santificazione. Ci viene in soccorso a proposito anche il Vangelo di oggi, che ci...
>> leggi di più

II DOMENICA TEMPO ORDINARIO C

Gioirà lo sposo per la sposa

20.GENNAIO 2019

Dio è fedele, perdona e torna ad accogliere il suo popolo, anche se peccatore e lontano dal patto di alleanza. Donerà al suo popolo una situazione nuova, di unità, di gioia, frutto della riconciliazione con il Signore.

Dio onnipotente ed eterno che nell’ora della croce hai chiamato l’umanità a unirsi a Cristo, sposo e Signore, fa che la santa Chiesa sperimenti la forza trasformante del suo amore, e pregusti nella speranza la gioia delle nozze eterne. Amen

PROVVISTE DI VIAGGIO

VANGELO IN IMMAGINI

Riflessione II domenica ordinario C 2019

Ci fu uno sposalizio a Cana di Galilea e c'era la Madre di Gesù. E' Giovanni che lo racconta e ci fa notare che fu invitato anche Gesù con i suoi discepoli. Erano nozze di amici o parenti, che conoscevano bene Maria, mentre di Gesù si sapeva che era solo figlio di lei. E fu proprio lei, che nel bel mezzo della festa, si accorse che qualcosa non andava. E lo disse a Gesù: non hanno più vino. Nulla sfugge di ciò che è umano a che vive con Dio. Ed è giusto far festa per l'incontro di due giovani vite che si uniscono per diventare una sola. A Maria sta a cuore questa festa perchè le preme questo amore. Si sente madre di quei giovani sposi e di quella famiglia che inizia. Vuole per loro e per gli sposi di tutti i tempi la certezza che l'amore non mancherà mai, se per tenerlo vivo chiederanno l'aiuto a Gesù. E vuole che Gesù dia questa sicurezza con un segno. Colei che non ha fatto mancare il vino per il banchetto, rifornirà l'amore che deve unirli per tutta la vita. Ma intanto c'è bisogno di quel segno, subito, e forse non ci sarebbe stato se a Cana non fosse presente Maria. Da quel giorno non c'è casa dove lei non desideri entrare, non c'è amore di sposi che lei voglia difendere e sussidiare, non c'è culla sulla quale non si distenda il suo volto di madre. "Fate tutto quello che vi dirà", sussurra ad ognuno di noi oggi, per dare la possibilità a Cristo di cambiare l'acqua del nostro peccato e fragilità in vino di amore e solidarietà.

VIDEO VANGELO PER I BAMBINI

VIDEO DELLA SETTIMANA

I giovani alla scuola di Maria (Il Video del Papa 37 - Gennaio 2019)

Il video con l'intenzione di preghiera di Papa Francesco per il mese di gennaio 2019: Per i giovani, specialmente quelli dell’America Latina, perché, seguendo l’esempio di Maria, rispondano alla chiamata del Signore per comunicare al mondo la gioia del Vangelo. 
a cura della Rete Mondiale di Preghiera del Papa - Apostolato della Preghiera
In lingua spagnola con sottotitoli in italiano

Vai al canale YouTube

NOTIZIA DELLA SETTIMANA

13.gennaio 2019

Il funerale? Lo celebra un laico

Sono passati quasi sei anni da quando il vescovo di Bolzano-Bressanone, Ivo Muser, aveva indicato la possibilità che un giorno fossero anche laici, opportunamente preparati, a celebrare i funerali, in vista dell’insufficiente numero di sacerdoti disponibili. Dopo un attento percorso di discernimento - stimolato anche dal richiamo del Sinodo diocesano a curare le celebrazioni liturgiche col coinvolgimento dei laici - è partita a ottobre una formazione intensiva che porterà a maggio ad avere i primi funerali - senza Eucaristia, naturalmente - con celebrazioni della Parola guidate da laici.

Sono le 17 persone che presso lo Studio Teologico Accademico Teologico di Bressanone stanno frequentando l’apposito corso di formazione in 16 giornate che si completerà nel prossimo autunno. Cinque di loro sono diaconi permanenti (con relativa formazione alle spalle), altri 12 sono laici, in perfetta parità di genere: sei uomini e sei donne. Sottolinea il direttore dell’Ufficio pastorale della diocesi, Reinhard Demetz: «Abbiamo atteso qualche anno e abbia- mo voluto progettare con attenzione questa iniziativa formativa, perché si presenta nuova per noi (nel mondo austriaco e tedesco è già presente da tempo, ndr) e non doveva essere affrettata e superficiale. L’abbiamo condivisa anche con la Conferenza dei decani della diocesi, dalla quale era venuta la sollecitazione più forte a poter contare sulla collaborazione dei laici per guidare occasioni liturgiche così pastoralmente importanti e partecipate».

Attenzione prioritaria è stata riservata alla qualificazione di chi avrebbe guidato le celebrazioni: «Abbiamo condotto attraverso colloqui e incontri una selezione esigente – riassume Demetz – in vista di un percorso che tiene conto delle necessarie competenze pastorali, bibliche, liturgiche ma anche psicologiche e relazionali ».

 

I candidati a questo servizio sono stati scelti fra quanti già aveva completato il corso per la guida delle celebrazioni della Parola (ed avevano ricevuto un mandato stabile) ; in ogni caso, persone attive nella comunità parrocchiale. Gli stessi loro parroci prendono parte ad alcuni momenti di queste giornate formative (ciascuna prevede sei ore di lavoro) per darsi un orientamento comune anche rispetto ad alle scelte concrete della celebrazione.

A partire dai criteri con cui affidare al laico o al parroco il congedo ad un defunto piuttosto che ad un altro. «È tutta la comunità infatti che va formata al valore di questa grande novità – chiosa a proposito Demetz – anche per favorire un’accoglienza da parte delle famiglie che per prime non avranno un prete al funerale del loro caro».

In verità già nell’ottobre scorso in un funerale nel Duomo di Bolzano è stato un laico (uno dei 12 selezionati e impegnati nella formazione) a guidare la celebrazione della Parola su richiesta del decano don Bernhard Holzer; per la cronaca si chiama Hans Duffek, da 6 anni già animatore delle liturgie della Parola nella parrocchia del Duomo di Bolzano, che non ha nascosto una certa agitazione nell’intervista al settimanale diocesano di lingua tedesca Katholisches Sonntagsblatt ma anche «il desiderio di manifestare consolazione e sostegno nella fede ai familiari della defunta».

E non a caso nel corso formativo si insiste molto sulla capacità di accompagnare le persone segnate dal lutto e sulla riflessione sulla vita oltre la morte. Dopo i primi funerali che saranno celebrati da maggio in poi dai 17 “pionieri”, ci sarà in autunno una ripresa di alcune giornate di confronto e di formazione a partire dall’esperienza e dalle difficoltà da loro incontrate sul campo...santo.

Quanto questa innovazione pastorale sia molto di più di una supplenza è confermata da una ulteriore azione di sensibilizzazione rispetto alle cremazioni in aumento: in settembre a Bressanone si è tenuto un seminario aperto a tutti gli operatori pastorali (sacerdoti e laici) e anche agli addetti ai lavori delle agenzie funebri, sullo specifico del rito in caso di cremazione; nel suo intervento, il vescovo Ivo Muser ha ribadito che nelle nuove e nelle consolidate forme del commiato resta fondamentale sottolineare e far risaltare in primo luogo il messaggio della risurrezione.

E quest’anno è programmato un secondo seminario dedicato al momento delle deposizione dell’urna: «La nostra Chiesa – ha sottolineato Stefan Huber, responsabile diocesano del settore liturgia – se richiesto e possibile, deve farsi trovare presente in queste occasione con la sua presenza e il suo sostegno».

IL LIBRO DELLA SETTIMANA

Genitori no stress - Dieci sfide alla tranquillità di mamma e papà  (Vivere Bene insieme)

Descrizione

 

I genitori si trovano davanti a tante sfide che spesso li fanno sentire inadeguati, innescando un circolo vizioso di disistima tale da paralizzarne le capacità relazionali ed educative, e spesso finiscono con il mettere in crisi la coppia stessa. L'Autore, pediatra di famiglia e docente di counselling, racconta dieci storie emblematiche di queste sfide: la nascita, i primi mesi, i rapporti con le famiglie di origine, le malattie della prima infanzia, il ritorno al lavoro e l'inserimento al nido o all'asilo, il cibo, il sonno, i nuovi media, lo sport e perfino i lutti che possono colpire una famiglia. Per ognuna di queste situazioni il libro non fornisce ricette risolutive, ma chiavi di lettura che permettano di guardare a questi comuni problemi pediatrici nella loro dimensione clinica e relazionale, facendo riscoprire la naturale capacità di ascoltare il proprio cuore, una bussola che ogni genitore possiede, ma che va ritrovata.

DIOCESI DI BOLOGNA

Prossimi appuntamenti

 

Raccontare i migranti

  •  Venerdì 18 gennaio
  •  
  •  09:00
  •  
  •  Presso il Seminario Arcivescovile

Convegno per riflettere sul ruolo della stampa nella cronaca delle migrazioni.

Disabili: persone oltre l'apparenza

  •  Sabato 26 gennaio
  •  
  •  12:30
  •  
  •  A Cento (Ferrara)

Medie in Seminario

  •  Sabato 26 gennaio
  •  
  •  15:00
  •  
  •  Presso il Seminario Arcivescovile

Tutti i ragazzi dei Gruppi medie sono invitati a passare un sabato pomeriggio diverso dagli altri, in compagnia dei seminaristi e di tanti altri ragazzi.

Live from Panama

  •  Da sabato 26 gennaio
  •  
  •  All’Unipol Arena

Ci si collegherà in diretta con Panama per seguire su maxischermo la veglia con il Santo Padre. Iscrizione entro il 14 dicembre.

LE PAROLE DEL PAPA

Guardiamo le nostre mani, spesso vuote di amore, e proviamo oggi a pensare a un dono gratuito che possiamo offrire.


PAPA FRANCESCO UDIENZA GENERALE  Aula Paolo VI Mercoledì,        16 gennaio 2019

Catechesi sul “Padre nostro”: 5. “Abbà, Padre!”

Cari fratelli e sorelle, buongiorno!

Proseguendo le catechesi sul “Padre nostro”, oggi partiamo dall’osservazione che, nel Nuovo Testamento, la preghiera sembra voler arrivare all’essenziale, fino a concentrarsi in una sola parola: Abbà, Padre.

Abbiamo ascoltato ciò che scrive San Paolo nella Lettera ai Romani: «Voi non avete ricevuto uno spirito da schiavi per ricadere nella paura, ma avete ricevuto lo Spirito che rende figli adottivi, per mezzo del quale gridiamo: “Abbà! Padre!”» (8,15). E ai Galati l’Apostolo dice: «E che voi siete figli lo prova il fatto che Dio mandò nei nostri cuori lo Spirito del suo Figlio, il quale grida: “Abbà! Padre!”» (Gal 4,6). Ritorna per due volte la stessa invocazione, nella quale si condensa tutta la novità del Vangelo. Dopo aver conosciuto Gesù e ascoltato la sua predicazione, il cristiano non considera più Dio come un tiranno da temere, non ne ha più paura ma sente fiorire nel suo cuore la fiducia in Lui: può parlare con il Creatore chiamandolo “Padre”. L’espressione è talmente importante per i cristiani che spesso si è conservata intatta nella sua forma originaria: “Abbà”.

È raro che nel Nuovo Testamento le espressioni aramaiche non vengano tradotte in greco. Dobbiamo immaginare che in queste parole aramaiche sia rimasta come “registrata” la voce di Gesù stesso: hanno rispettato l’idioma di Gesù. Nella prima parola del “Padre nostro” troviamo subito la radicale novità della preghiera cristiana.

Non si tratta solo di usare un simbolo – in questo caso, la figura del padre – da legare al mistero di Dio; si tratta invece di avere, per così dire, tutto il mondo di Gesù travasato nel proprio cuore. Se compiamo questa operazione, possiamo pregare con verità il “Padre nostro”. Dire “Abbà” è qualcosa di molto più intimo, più commovente che semplicemente chiamare Dio “Padre”. Ecco perché qualcuno ha proposto di tradurre questa parola aramaica originaria “Abbà” con “Papà” o “Babbo”. Invece di dire “Padre nostro”, dire “Papà, Babbo”. Noi continuiamo a dire “Padre nostro”, ma con il cuore siamo invitati a dire “Papà”, ad avere un rapporto con Dio come quello di un bambino con il suo papà, che dice “papà” e dice “babbo”. Infatti queste espressioni evocano affetto, evocano calore, qualcosa che ci proietta nel contesto dell’età infantile: l’immagine di un bambino completamente avvolto dall’abbraccio di un padre che prova infinita tenerezza per lui. E per questo, cari fratelli e sorelle, per pregare bene, bisogna arrivare ad avere un cuore di bambino. Non un cuore sufficiente: così non si può pregare bene. Come un bambino nelle braccia di suo padre, del suo papà, del suo babbo.

Ma sicuramente sono i Vangeli a introdurci meglio nel senso di questa parola. Cosa significa per Gesù, questa parola? Il “Padre nostro” prende senso e colore se impariamo a pregarlo dopo aver letto, per esempio, la parabola del padre misericordioso, nel capitolo 15° di Luca (cfr Lc 15,11-32). Immaginiamo questa preghiera pronunciata dal figlio prodigo, dopo aver sperimentato l’abbraccio di suo padre che lo aveva atteso a lungo, un padre che non ricorda le parole offensive che lui gli aveva detto, un padre che adesso gli fa capire semplicemente quanto gli sia mancato. Allora scopriamo come quelle parole prendono vita, prendono forza. E ci chiediamo: è mai possibile che Tu, o Dio, conosca solo amore? Tu non conosci l’odio? No – risponderebbe Dio – io conosco solo amore. Dov’è in Te la vendetta, la pretesa di giustizia, la rabbia per il tuo onore ferito? E Dio risponderebbe: Io conosco solo amore.

Il padre di quella parabola ha nei suoi modi di fare qualcosa che molto ricorda l’animo di una madre. Sono soprattutto le madri a scusare i figli, a coprirli, a non interrompere l’empatia nei loro confronti, a continuare a voler bene, anche quando questi non meriterebbero più niente.

Basta evocare questa sola espressione – Abbà – perché si sviluppi una preghiera cristiana. E San Paolo, nelle sue lettere, segue questa stessa strada, e non potrebbe essere altrimenti, perché è la strada insegnata da Gesù: in questa invocazione c’è una forza che attira tutto il resto della preghiera.

Dio ti cerca, anche se tu non lo cerchi. Dio ti ama, anche se tu ti sei dimenticato di Lui. Dio scorge in te una bellezza, anche se tu pensi di aver sperperato inutilmente tutti i tuoi talenti. Dio è non solo un padre, è come una madre che non smette mai di amare la sua creatura. D’altra parte, c’è una “gestazione” che dura per sempre, ben oltre i nove mesi di quella fisica; è una gestazione che genera un circuito infinito d’amore.

Per un cristiano, pregare è dire semplicemente “Abbà”, dire “Papà”, dire “Babbo”, dire “Padre” ma con la fiducia di un bambino.

Può darsi che anche a noi capiti di camminare su sentieri lontani da Dio, come è successo al figlio prodigo; oppure di precipitare in una solitudine che ci fa sentire abbandonati nel mondo; o, ancora, di sbagliare ed essere paralizzati da un senso di colpa. In quei momenti difficili, possiamo trovare ancora la forza di pregare, ricominciando dalla parola “Padre”, ma detta con il senso tenero di un bambino: “Abbà”, “Papà”. Lui non ci nasconderà il suo volto. Ricordate bene: forse qualcuno ha dentro di sé cose brutte, cose che non sa come risolvere, tanta amarezza per avere fatto questo e quest’altro… Lui non nasconderà il suo volto. Lui non si chiuderà nel silenzio. Tu digli “Padre” e Lui ti risponderà. Tu hai un padre. “Sì, ma io sono un delinquente…”. Ma hai un padre che ti ama! Digli “Padre”, incomincia a pregare così, e nel silenzio ci dirà che mai ci ha persi di vista. “Ma, Padre, io ho fatto questo…” – “Mai ti ho perso di vista, ho visto tutto. Ma sono rimasto sempre lì, vicino a te, fedele al mio amore per te”. Quella sarà la risposta. Non dimenticatevi mai di dire “Padre”. Grazie.