Nei giorni 27/28/29 NOVEMBRE INIZIATIVA “24 ORE PER IL SIGNORE”

Giovedì 27 Sacerdote disponibile per confessioni 16.00-19.00 in teatro

Venerdì 28 Chiesa aperta per confessioni 15.00-18.00 e 20.30-22.30

Sabato 29 Disponibilità confessioni dalle 15.00 alle 18.00

AVVENTO 2014

Cappellano all’Ospedale di Castelfranco Emilia

Cari parrocchiani, continuando il servizio

pastorale a Piumazzo, mi è stato chiesto

dai Superiori di essere anche cappellano

dell’Ospedale di Castelfranco Emilia,

subentrando a don Enzo Stefanelli.

Sappiamo tutti che la struttura sta

cambiando, orientandosi alla forma

Hospice e Lungodegenza. Sappiamo del

dibattito in merito, ma intanto i malati

vanno assistiti, anche spiritualmente.

L’incarico comporta un maggior

radicamento nella terra di Castelfranco,

in una direzione particolarmente intima e sacra: il servizio alle persone più deboli. Vocazione sempre delicata e preziosa, che commuove capiti proprio nel nostro Anno della Misericordia. Ne deriva la necessità per il sacerdote di riorganizzare gli impegni, in una diminuzione

oggettiva di tempo ed energie. Anche per questa ragione, soprattutto per un valore pieno del servizio, è importante la condivisione coi confratelli e parrocchiani tutti. Già i sacerdoti di Castelfranco si sono resi disponibili, per la messa al giovedì in Ospedale e al sabato in Casa Protetta, poi è bene costruire gradualmente la presenza d’altri, col risultato che questo cammino di carità, non fa solo bene ai malati,ma anche a tutta la comunità. Un grazie a chi accompagna con la preghiera questo inizio, nella continuità e nella comunione.

Don Remo Resca

VIDEO-RACCONTO DELLA DOMENICA 9. NOVEMBRE FESTA DEL RINGRAZIAMENTO 

BOLLETTINO PARROCCHIALE NOVEMBRE 2014

ANNO DELLA MISERICORDIA- CATECHESI

INDULGENZE

*******

CORO SAN GIACOMO

Giovedì 11 settembre ricominciano in cripta le prove del Coro S. Giacomo di Piumazzo, che si avvia a festeggiare i 25 anni di fondazione. Il Coro nel corso dell'anno ha svolto, oltre al

consueto impegno liturgico, anche  attività concertistica, grazie al quale sono stati raccolti 400 euro per l'acquisto dei nuovi libretti dei canti e per la tastiera liturgica nella  chiesa-teatro.

 Chiunque è interessato a partecipare alle prove del coro, verrà accolto calorosamente."

 

SCUOLA MATERNA "GISA CROTTI"

TOMBOLA PRO-ASILO

 

Presso la Casa Beata vergine delle Grazie (Asilo Parrocchiale) si effettuano Tombole Pro Scuola Materna.

 

Si gioca nelle domeniche alle ore 14.30

 

 12 OTTOBRE

 19 OTTOBRE

26 OTTOBRE

  16 NOVEMBRE

 23 NOVEMBRE

 30 NOVEMBRE

7 DICEMBRE

21 DICEMBRE

CATECHISMO

 

 

PROSSIMO CORSO DI CRESIMA PER GLI ADULTI IN PARROCCHIA FEBBRAIO-MARZO 2015

********


PAGINE PIU' VISTE OTTOBRE 2014

ULTIMI AGGIORNAMENTI


***

Sulla Chiesa

Nel maggio 2012, un’Ordinanza del Sindaco, porta alla chiusura cautelativa della nostra

Chiesa Parrocchiale, dichiarata non sicura all’uso pubblico dopo il sisma, a ragione di

lesioni specialmente sulla cupola e nel transetto. Nel Settembre dello stesso anno, dopo

la perizia della Sopraintendenza, iniziano i progetti per la messa in sicurezza e le

trattative con l’Assicurazione, essendo lo stabile coperto da polizza. Al principio si

prospetta che la Parrocchia debba coprire per intero l’importo dei lavori, salvo il premio

assicurativo, comunque parziale. Viene redatto un progetto esecutivo caratterizzato da

una serie di interventi minimi strettamente necessari a garantire la sicurezza. Nella

primavera del 2013 la Sopraintendenza autorizza le linee di intervento

proposte: l’importo è sui 300.000,00 euro, esclusi i lavori al Santuario

della Provvidenza, pure essa inagibile. La Curia, nominata intanto dalla

Regione unica referente, sollecita ad aspettare delibere nuove, in

merito a ipotesi di finanziamenti. Nell’ottobre 2013 la Chiesa di

Piumazzo entra nel Progetto Regionale di Ricostruzione del 2014, con

finanziamento lavori inerenti al sisma. Bisogna tuttavia aumentare il

livello di dettaglio della progettazione, poiché, in quanto opera

finanziata con fondi pubblici, le normative richiedono elaborati grafici e documenti

contabili specifici. Da un ripristino minimale, quale quello prima prospettato, ci si indirizza verso un’ opera di riparazione e miglioramento completa. L’importo, ancora in corso di definizione, subirà necessariamente un aumento, quasi doppio. Nel contempo si prospettano vari interventi a nostre spese, che la presenza di un ponteggio così imponente consiglia: impianto elettrico, tinteggiatura, lattonerie, deumidificazioni, ecc. interventi ingenti tutti a carico della Parrocchia. Allo stato presente (6 giugno 2014) il Progetto è stato esaminato dalla Commissione Regionale, sono state richieste alcune varianti, ora si è in attesa della autorizzazione per iniziare la gara d'appalto. Speriamo che i lavori possano cominciare dopo l'estate 

il Parroco e il Comitato Tecnico

Preghiera a Suor Anania Tabellini, per la riapertura della chiesa :

Buona Sr. Anania
Tu che hai tanto amato la chiesa di Piumazzo
madre della tua fede e missione
Prega Gesù e la Vergine
Perchè possiamo presto rientrare 
A lodare Dio e S. Giacomo,

celebrare la Eucaristia e le nostre feste, entro quelle mura
Ove, per la tua virtù, sei sepolta.

                                  Padre. Ave. Gloria.  

IL PENSIERO DELLA SETTIMANA

 


 Il timor di Dio

(San Tommaso d'Aquino)

 

Più si ama qualcuno e più si teme di offenderlo e d'essere privato della sua presenza.

PREGHIERA DELLA SETTIMANA

LA PREGHIERA DEL 23.NOVEMBRE 2014

Preghiera a Gesù Cristo Re Universale

O Signor Nostro Gesù Cristo Ti riconosco per Re universale. Tutto ciò che è stato fatto, fu creato per Te. Esercita su di me i Tuoi diritti. Io rinnovo le mie promesse battesimali ri­nunciando a Satana, alle sue pompe, alle sue opere e prometto di vivere da buon cristiano. In modo particolare mi impegno a far trion­fare secondo, i miei poveri mezzi i diritti di Dio e della sua Chiesa. Cuor Divino di Gesù, Ti offro le mie pove­re azioni per ottenere che tutti i cuori ricono­scano la Tua sovranità sacra ed affinché il re­gno della Tua pace si stabilisca nel mondo in­tero. 
Così sia.

LA FOTO DELLA SETTIMANA

LA FOTO DEL 23.NOVEMBRE 2014

PARROCCHIA DI PIUMAZZO DAL PAPA
PARROCCHIA DI PIUMAZZO DAL PAPA

SI RINGRAZIA  A FOTO-STUDIO "ARCADIA" DI WILLER COMELLINI

Perchè

"Nemmeno Dio è giusto. Perché fa morire gli Armeni sotto le macerie, per il terremoto? Perché fa morire di fame i bambini nel Sudan? Perché sta a guardare mentre disboscano le foreste tropicali? Perché? Perché?".
Lorenzo, 15 anni

Perché il male e la sofferenza in un mondo creato da un Dio giusto e onnipotente? Perché la sofferenza degli innocenti? Perché questi sentimenti d'abbandono, perché questi deserti interiori, perché queste notti livide in cui muore la speranza.
Poi ho fatto un sogno.
Camminavo sulla spiaggia a fianco del Signore. I nostri passi si imprimevano nella sabbia, lasciando una doppia serie di impronte: le mie e quelle del Signore.
Mi venne l'idea" era un sogno "che ciascuno di quei passi rappresentasse un giorno della mia vita. Allora mi fermai e mi voltai per guardare tutte quelle tracce che si perdevano lontano. E notai che a tratti, invece delle due serie di impronte, ce n'era soltanto più una.
Rividi così tutto il cammino della mia vita. Ma, sorpresa!, i passaggi con una sola serie di impronte corrispondevano ai giorni più tristi della mia esistenza. Giorni di angoscia e di impazienza, giorni di egoismo e di cattivo umore, giorni di prove e di dubbi, giorni incomprensibili, giorni di sofferenza.
Allora mi rivolsi al Signore con tono di rimprovero.
"Tu ci hai promesso di restare con noi tutti i giorni. Perché non hai mantenuto la tua promessa? Perché mi hai lasciato solo nei momenti peggiori della mia vita, nei giorni in cui avevo più bisogno della tua presenza?".
Il Signore sorrise.
"Figlio mio, piccolo mio, non ho cessato di amarti un solo momento. Le sole orme che vedi nei giorni più duri della tua vita sono le mie... In quei giorni ti portavo in braccio".

IL VANGELO DEL GIORNO COMMENTATO

Liturgia della settimana

2014-11-24 - Vangelo di Monday (lun, 24 nov 2014)
Ap 14, 1-5; Sal 23; Lc 21, 1-4. ||| In quel tempo, Gesù, alzàti gli occhi, vide i ricchi che gettavano le loro offerte nel tesoro del tempio. Vide anche una vedova povera, che vi gettava due monetine, e disse: «In verità vi dico: questa vedova, così povera, ha gettato più di tutti. Tutti costoro, infatti, hanno gettato come offerta parte del loro superfluo. Ella invece, nella sua miseria, ha gettato tutto quello che aveva per vivere».
>> leggi di più

2014-11-24 - Commento di Monday (lun, 24 nov 2014)
L'obolo della vedeva. ||| Davvero i pensieri di Dio non sono come i nostri, i suoi calcoli sono molto, molto diversi. La ragione principale sta nel fatto che egli vede con gli occhi della sapienza infinita che scruta i cuori e l'intimità dei nostri sentimenti. I nostri calcoli invece sono spesso fatti di numeri e di visioni superficiali o ancor peggio con giudizi temerari. Gesù osserva i ricchi che fanno cadere le loro pesanti monete, facendole risuonare nel grande contenitore di rame posto all'ingresso del tempio. Il suono ne indicava anche l'entità. I due spiccioli della povera vedova erano caduti quasi muti e neanche gli uditi più sensibili avrebbero potuto percepirne l'eco. Lo sguardo di Gesù su quella vedova si posa con compiacenza. «In verità vi dico: questa vedova, povera, ha messo più di tutti». Egli non ha ascoltato e valutato il tintinnio delle monete, ma ha visto le generosità del cuore: «Questa nella sua miseria ha dato tutto quanto aveva per vivere». Ecco le generosità vera, senza calcolo, offerta con amore. È facile per i ricchi dare ciò di cui sovrabbondano. Il povero invece avrebbe mille motivi per trattenersi qualcosa. Dare tutto è da eroi!
>> leggi di più

XXXIV Domenica del T.O.  (anno A) – Cristo Re

Si siederà sul trono della sua gloria e separerà gli uni dagli altri

23.NOVEMBRE 2014

Tutte le scelte che, nella vita, ogni uomo ha fatto pro o contro il regno, e cioè pro o contro l’amore di Dio e dei fratelli, acquistano valore di eternità per i tempi nuovi, quando il Figlio di Dio verrà a giudicare il mondo.

Il tuo Regno, Signore, è vicino, e noi vogliamo incontrarlo.

Il tuo Regno è nascosto, e noi vogliamo cercarlo.

Il tuo Regno è perla preziosa, e noi vogliamo acquistarla.

Il tuo Regno è per i piccoli, e noi vogliamo umiliarci.

Vi entra chi fa la tua volontà, e noi vogliamo farla?

Vi entra chi risplende, e noi siamo stella del firmamento?

Vi entra chi soffre, e noi accogliamo la sofferenza?

Rendici, o Signore, partecipi del tuo Regno.

Amen

Riflessione (traccia) Festa di Cristo Re

Immagino che le due persone crocifisse insieme a Gesù, nella loro vita avessero commesso un pò di tutto: violenza, omicidio, imbrogli, rapine, ladrocini, e per questo sono state condannate. E credevo che almeno in punto di morte si sarebbero ravveduti confessando le loro riprovevoli azioni.
Invece no, tutt'altro. Uno deride: "non sei tu il Cristo?, e allora salvami". L'altro addirittura continua a rubare e rapinare, non ha perduto il vizio neanche attaccato ad una croce. "In verità ti dico, oggi sarai con me nel mio Regno". E' riuscito a rubare il Paradiso, con un semplice "ricordati di me" è riuscito a rapinare la vita e il regno. Nonostante gli occhi fossero intrisi di sangue ha riconosciuto in quell'Uomo che gli stava accanto un Re e un futuro. Gesù gli trasmette fiducia trasformata in speranza e poi sfociata in certezza. 
E che era un Re l'ha scoperto non leggendo la scritta sulla croce, ma leggendo gli occhi e il volto di Cristo. Un Re che ha come trono una croce e come corona un intreccio di spine. Un Re, servo di uomini e donne per ridare dignità a tutti. Leggiamo nel prefazio della Santa Messa: nella pienezza dei tempi hai mandato il tuo Figlio ospite e pellegrino in mezzo a noi per fare di tutte le nazioni un solo popolo che ha come fine il tuo Regno, come condizione la libertà dei tuoi figli e come statuto il precetto dell'amore. Fiero ed orgoglioso, Signore, di far parte di questo tuo Regno.

VANGELO IN TRE IMMAGINI

VIDEO DELLA SETTIMANA

 Affettività 

Create your own banner at mybannermaker.com!

Semplice sequenza di immagini di persone che esprimono affettività attraverso il contatto, esprimendo amore, affetto, amicizia, paternità e altro, accompagnata da una delicata musica di sottofondo. 
Utile per iniziare una discussione sul tema del corpo, dell'amore, dell'affetto.

NOTIZIA DELLA SETTIMANA

19.NOVEMBRE 2014

I regali di Papa Francesco per i poveri

Da qualche giorno - riporta il Messaggero - negli uffici vaticani aperti al pubblico è stata affissa una singolare locandina. «Lotteria di beneficenza per le opere di carità del Santo Padre». La riffa papale. Al di là del Tevere spiegano che l'inverno bussa alle porte e Francesco non poteva non pensare ai 'suoi' poveri, a quelle decine di persone, solitamente le stesse, che ogni sera, vagando raminghe, trovano momentaneo rifugio attorno a San Pietro, sotto il colonnato, sui gradini della chiesa della Traspontina, davanti alla sala stampa. 

«L’iniziativa servirà a raccogliere fondi per finanziare progetti destinati ai clochard. Primo premio in palio -  racconta Franca Giansoldati sul quotidiano romano - una Fiat Panda 4x4, euro 5+, full optional. Naturalmente di colore bianco, perché l'auto, così come tutti gli altri premi, sono i doni che ha ricevuto il pontefice nel corso dell'anno e che lui ha deciso di sfruttare proprio per raccogliere denaro utile a iniziative di natura sociale. Secondo premio in palio, invece, è una bicicletta da corsa celeste; terzo premio un'altra bicicletta, stavolta però di colore arancio dotata di cestini; quarto premio ancora una bicicletta ma da passeggio e di colore grigio. Il quinto premio è un tandem, il sesto una videocamera digitale ad alta definizione di marca giapponese. Seguono orologi, cornici d'argento, penne pregiate, borse portadocumenti, dispositivi wireless per iPod e iPhone, una macchina da caffè della Illy». 

Persino un cappello bianco, modello Panama, della più nota azienda equadoregna Homero Ortega. Chiunque naturalmente può partecipare e aiutare Papa Bergoglio nella sua missione: «aiutiamo i poveri». Basta acquistare un biglietto da 10 euro negli uffici del Governatorato, nei punti in cui sono in vendita monete e francobolli, o alle poste vaticane, alla farmacia, ai musei e all'ufficio Pellegrini e Turisti dove ogni giorno si registrano code chilometriche di turisti stranieri. 

L'estrazione avverrà l'8 gennaio 2015, sotto lo sguardo di un notaio e del cardinale Giuseppe Bertello, presidente del Governatorato. Organizzatore di tutto è padre Corrado Kraiewski, l'arcivescovo polacco incaricato dal pontefice di essere «la sua longa manus».

IL LIBRO DELLA SETTIMANA

Ride colui che sta nei cieli - Le emozioni di Dio Gianfranco Ravasi

Descrizione

In una piccola ma ricchissima ''grammatica delle emozioni di Dio'', Gianfranco Ravasi compie un viaggio all'interno delle Scritture e dell'animo umano: un vero e proprio album di emozioni spesso tra loro opposte. Si tratta di uno spettro cromatico emotivo che procede dal violetto gelido dell'angoscia o paura e approda al rosso caloroso della gioia o della tenerezza. Testimonianza di come la Bibbia non abbia paura di scandagliare il mondo dei desideri senza separare il conoscere intellettivo da quello affettivo. Un ''ritratto'' di Dio che spazia dalla sua ''gelosa tenerezza'' all'angoscia di Gesù. Un testo e capace di sorpendere il lettore che si troverà specchiato nei mille fili emotivi che attraversano la Scrittura.

DIOCESI DI BOLOGNA


UDIENZA GENERALE 19.11.14

“Innanzitutto , dobbiamo avere ben presente che la santità non è qualcosa che ci procuriamo noi, che otteniamo noi con le nostre qualità e le nostre capacità. La santità è un dono, è il dono che ci fa il Signore Gesù, quando ci prende con sé e ci riveste di se stesso, ci rende come Lui. Nella Lettera agli Efesini, l’apostolo Paolo afferma che «Cristo ha amato la Chiesa e ha dato se stesso per lei, per renderla santa» (Ef 5,25-26). Ecco, davvero la santità è il volto più bello della Chiesa, il volto più bello: è riscoprirsi in comunione con Dio, nella pienezza della sua vita e del suo amore. Si capisce, allora, che la santità non è una prerogativa soltanto di alcuni: la santità è un dono che viene offerto a tutti, nessuno escluso, per cui costituisce il carattere distintivo di ogni cristiano”.

(Papa Francesco, Udienza Generale, 19.NOVEMBRE 2014)

LE PAROLE DEL PAPA

Un cristiano porta pace agli altri. E non solo pace, ma anche amore, bontà, fedeltà e gioia.

INIZIATIVE A PIUMAZZO

Segnalate le vostre iniziative nel libro degli ospiti.